Leggere le espressioni del viso

Scritto da il 24/04/2014 in Assistenza - Non ci sono commenti

Sogni di diventare assistente per disabili? Impara a leggere le espressioni del viso delle persone con disabilità.

Non è stato semplice, per Alessandro, imparare a comunicare con suo figlio Roberto, un bambino di 7 anni con un grave ritardo mentale. Ma oggi, ogni fatica ripaga entrambi: il rapporto che li unisce è rafforzato da un linguaggio speciale fatto di sguardi, di segni e di tanta complicità. Insieme a un assistente per disabili, Alessandro ha imparato a leggere le espressioni del viso di Roberto e a capire cosa lo rende felice e cosa invece lo spaventa e lo infastidisce.

Come assistere i bambini disabili? Scoprilo qui.

Se vuoi diventare assistente per disabili, anche tu devi imparare a leggere le espressioni del viso e, in generale, devi conoscere gli elementi della comunicazione non fonetica. Questa competenza è fondamentale per operare con disabili, anziani e bambini che, per varie ragioni (come ad esempio il ritardo mentale, l’autismo o alcune patologie neuromotorie) non riescono a gestire in modo adeguato il linguaggio verbale fonetico. Le persone come Roberto devono essere aiutate a sviluppare un linguaggio alternativo che utilizza segni, movimenti degli occhi o delle mani, fotografie, figure e altro ancora; metodi preziosi, ma non sempre utilizzabili e comprensibili da tutti.

Saper “leggere il volto” della persona che assisti ti permetterà di cogliere con rapidità i suoi bisogni e i suoi desideri. Ovviamente, più sarai preparato, meglio saprai interpretare le espressioni della persona che hai davanti. Ma quali sono i segnali a cui prestare maggiore attenzione? Ecco i nostri consigli per aiutarti a leggere le espressioni del viso.


Sorriso
Anche se appena accennato, il sorriso è sempre sinonimo di benessere, di gioia e, in generale, di sensazioni positive.

Muscoli facciali contratti

La contrazione dei muscoli del viso, come la bocca parzialmente aperta, sono segno di dolore e di disagio. Questa interpretazione, tuttavia, è corretta solo se la persona non contrae normalmente i muscoli facciali a causa di una patologia o di un’abitudine.

Naso arricciato e labbro superiore sollevato
Questo segno indica spesso disgusto e fastidio. Se la noti, cerca di capire i motivi che inducono la persona che assisti a sentirsi così: potrebbe ad esempio essere infastidita da un rumore, da una persona o da una situazione momentanea.

Lo sguardo 

Gli occhi sono un grandissimo aiuto per le persone con disabilità che non riescono a comunicare con la voce perché permettono di “indicare” un oggetto o una persona e di trasmettere emozioni forti.

Occhi sgranati e sopracciglia arcuate 

Spesso indicano stupore e perplessità. Questa espressione è simile a quella della paura che, però, presenta una maggiore contrattura dei muscoli del viso.

Iscriviti ai nostri corsi

per imparare a leggere

le espressioni del viso!

Se vuoi altri consigli inserisci i tuoi dati qui

Lascia un commento

Certificazioni

L'istituto Cortivo ha sempre fatto della qualità un punto irrinunciabile della sua politica aziendale

I Partner Cortivo

L'istituto Cortivo ha attivato significative sinergie con partner importanti

Cortivo Baby Planet

Cortivo Baby Planet è un progetto sociale realizzato dall'Istituto Cortivo

Istituto Cortivo S.p.A. - via Padre E. Ramin, 1 - 35136 Padova - P.IVA 01921530281 - Copyright © 2017 Istituto Cortivo